Browsing All Posts filed under »Antifascismo«

L’Italia di Draghi, di stragi archiviate e sindacalisti assassinati.

giugno 25, 2021

1

A quel tempo, in quella tarda primavera che sapeva già d’estate, sfogliando i principali giornali locali e nazionali sembrava quasi che l’Italia della “ripartenza” fosse affetta da due soli e indicibili problemi: la malamovida dell’ingrata e sfaticata gioventù italiana e la cronaca mancanza di personale causata dai generosissimi sussidi offerti dal possente e inguagliabile welfare […]

Anatomie italiche. Il banchiere e il prigioniero.

Maggio 29, 2021

0

C’è da chiedersi se qualcuno in Italia creda ancora alla democrazia. Perché ormai è come credere alla fatina dei denti.Il golpe di fatto è la norma. Il nostro vero sistema di governo.I golpisti italici non assaltano il Palazzo come gli sciamannati di Trump, non ne hanno bisogno.Loro sono gia dentro.Come un patogeno cronico.Sono connaturati al […]

Francia, 19 maggio 2021 «Le problème de la police, c’est la justice!» Quant’è profondo l’abisso della “sinistra” europea?

Maggio 21, 2021

0

« Quant’è banale il male? » viene proprio da parafrasare una delle opere più importanti di Hannah Arendt e domandarsi esattamente questo ad osservare le posture e i segnali inequivocabili che certe derive politiche stanno assumendo in questo maggio 2021. Fra una dichiarazione di un premier “socialista” spagnolo come Sanchez, un Enrico Letta che applaude […]

Amazon, il Rio (a) Secco del cantiere emiliano.

marzo 29, 2021

0

“È un caso che proprio l’Emilia sia al centro di questo passaggio? L’Emilia che coltiva ancora i suoi rituali fuori tempo, come una vecchia signora che ha visto tempi migliori – la regione in cui si firmano con la medesima disinvoltura, “Patti per il lavoro” e rinvii a giudizio (per chi lavora)?” A osservarli da […]

Non andrà tutto bene. Un anno dopo

marzo 14, 2021

0

“Ordine pubblico equivale in definitiva a pieno ritmo produttivo.*” In Italia è tornato il fascismo. Lo affermiamo così, come incipit, senza alcun indugio. Potrà apparire un’affermazione forte ma non lo è affatto. In realtà dall’Italia il fascismo non se n’era mai andato, è sempre rimasto lì, magari poco visibile come un’incrostazione che si nota solo […]

Giorno del Ricordo, Polizia di Stato, Giovanni Palatucci e previsioni del tempo.

febbraio 17, 2021

0

“Who controls the past controls the future. Who controls the present controls the past”.Eric Arthur Blair Sarà stato per via di quei giorni particolari dell’anno, scanditi con i rituali celebrativi di una ristrutturata “memoria” nazionale, sarà stato per la loro simultaneità con l’avvicendarsi del governo e con l’avvento di Mario Draghi a palazzo Chigi – […]

10 gennaio 1930, Libia, campi di concentramento e iprite. Novant’anni dopo…

gennaio 10, 2021

0

“Abbiamo avuto il bis, come prevedevo. Siciliani, ripeto, non mi sembra all’altezza della situazione… La mia opinione è che si dovrà venire ai campi di concentramenteo.” I campi di concentramento. Il dispaccio di Emilio De Bono, ministro delle colonie del governo fascista e già quadrumviro della marcia su Roma, a Pietro Badoglio, governatore delle colonie […]

Oltre al No referendario. “Paese formale” – “paese materiale”.

settembre 18, 2020

0

Venerdì 18 settembre 2020. Mancano tre giorni al referendum costituzionale sulla riduzione del numero dei parlamentari ma, visto da qua, l’orizzonti della democrazia e dello stato di diritto non potrebbero essere più lontani. Sinceramente c’ha appassionato pochissimo questo referendum che sembra la riedizione aggiornata di quello del 4 dicembre di quttro anni fa voluto da […]

“Something is rotten in Modena…”

giugno 4, 2020

0

La città è cambiata, lo sento nell’acqua, lo sento nella terra, lo avverto nell’aria… I can’t breathe (Non riesco a respirare) c’è qualcosa di vicino, di familiare nella frase pronunciata da George Floyd nei suoi ultimi istanti di vita e diventata il simbolo delle proteste scoppiate a Minneapolis e ora diffuse in tutti gli Stati […]

Non andrà tutto bene. (Prima parte)

aprile 26, 2020

0

A quel tempo per me le cose andavano incomparabilmente meglio che in seguito; in fondo ero ancora in servizio e in casa mia, potevo ancora osservare gli avvenimenti quasi indisturbato. D’altra parte non ero ancora diventato almeno in parte insensibile, ero ancora tanto abituato a vivere in uno stato di diritto che giudicavo un profondissimo […]